Welcome, Guest. Please login or register.
November 25, 2017, 01:06:06 AM
 
Home Help Search Login Register
News: New AURIGA theme installed!

  Show Posts
Pages: [1]
1  Guestbook / Folklore / Ben ritrovati... on: June 08, 2008, 05:07:46 PM
Ciao tutti,
spero stiate tutti bene e con una passione.
Vedo con piacere che il mio account non è stato tolto dal bullettin board.
Vorrei credere per una incondizionata fiducia e amicizia nei miei confronti, ma in realtà immagino per una dimenticanza.
Beh, allora ne approfitto per darvi qualche notizia.
Ho appena concluso il mio primo anno didattico come supplente a contratto in un ITIS.
Forse qualcuno, da dentro, già lo ha vissuto: la situazione è drammatica. Il suono della campanella ha un sinistro tono di allarme "abbandonare la nave, si salvi chi può".
Ho anche appena finito di leggere il libro di poesie di Pablo Neruda edito a Gennaio dal Sole 24 Ore  (http://grandi-poeti.ilsole24ore.com) a ed ho potuto constatare che quella poesia che avevo postato prima della mia dipartita da LNL (29 Settembre 2006) non c'è.
Forse non è compresa nella raccolta.
Forse non è di Neruda.
Infatti.
Ho avuto quei versi nè più nè meno come gli innumerevoli ignari surfisti che continuano ad attribuirli a Neruda, verificando in modo sommario l'effettiva appartenenza. Vuoi che un milione di riferimenti sulla rete citino Neruda per sbaglio? Conoscenza spizzicata, ecco la trappola devastante di Internet. Col risultato che l'autore (autrice, in questo caso, http://www.pensador.info/autor/(Martha_Medeiros_)) ha spopolato, seppure sotto mentite spoglie.
Senza mai lamentarsi di questo, per altro.
Malizia? C'è di che pensare: la comunicazione "world wide" accessibile si sta facendo un gioco di strategia dove chiunque può buttare un amo da pesca e tirare su qualcosa. Chi garantisce? Chi tutela?
Vabè, passiamo oltre.
Una garanzia ve la posso offrire di persona.
Questa volta il brano si intitola "9192631770 - periodi di transizione" ed appartiene a me.
Ci sto lavorando ancòra, dura 15 minuti, o giù di lì, e presto sarà rappresentato su qualche piazza grazie all'iniziativa della compagnia http://www.serpentetentattore.org/. Il fatto è che manca chi ci ospiti (io ve lo dico, magari potete fare qualcosa). La prima data è stata rinviata causa condizioni meteo avverse, come del resto potrete capire dato l'arrivo del monsone.
Giusto per stuzzicarvi l'appetito, con la speranza di trovarvi qui o là, vi allego la locandina.
Bene. Quel che dovevo dire l'ho detto. Stanotte dormirò più tranquillo.
Statemi bene.

p.s.: se proprio avete nostalgia di quel sorbetto alla menta...




UBUNTU: I am what I am because of who we all are
An open-source-knowledge believing

2  Guestbook / Folklore / Chiamatemi solo se c'è un posto a tavola o su una pubblicazione... on: September 28, 2006, 02:53:12 PM
Avrei potuto cominciare queste righe con “Quando leggerete queste righe io  sarò già lontano”. Forse per poter riscattare quelle fughe romantico-adolescenziali tante volte perpetrate e mai messe in pratica.
Ma questa non è una fuga.
Neppure una evasione.
Almeno, così mi sembrerà fino a quando mi presenterò per l’ultima volta alla sicurezza per ritirare gli effetti personali (quella carta di identità che da sette mesi fa avanti e indietro...).
Scadenza dei termini. Ecco, questa può andare.
Credo di aver avuto in conoscenza più di quanto abbia dato o, per diversi motivi interni ed esterni al laboratorio, sia riuscito a dare.
La sensazione è quella di non aver raggiunto un obiettivo, pur avendo i mezzi per farlo.
Perciò, un pareggio. E i pareggi non servono a nessuno. Ma nella prospettiva di un “ritorno” potrebbe essere prezioso (giocavo fuori casa...).
Tranquillizzo subito chi teme di rivedermi prima del tempo. A coloro chiedo almeno di mascherare quel velato entusiasmo e liberare i palloncini quando non li potrò vedere.
Una cosa è certa. Vi mancherà la mia pizza. Anche a chi non l’ha assaggiata. Soprattutto a chi non l’ha assaggiata. Ri-tranquilli, non vado in Groenlandia, si può sempre organizzare una serata. E poi, torno a Torino per perfezionarmi, non so se si era capito: quella del master è solo una copertura.
Insomma, sapete dove trovarmi (e questo un po’ mi inquieta...).
Ringrazio TUTTI per l’opportunità che ho avuto di confrontarmi e crescere, soprattutto sul lato umano.
E forse ho capito quanto sia importante darsi questa opportunità.

Il mio regalo è una poesia.
L’ha scritta Ricardo Eliezer Neftalí Reyes Basoalto, al secolo Pablo Neruda.
Ma non farete troppa difficoltà a farla vostra. Almeno credo.

Emanuele


p.s.: mi piacerebbe fare una foto con tutti voi domani (venerdì), dalla quale non riuscirete a sottrarvi sopraffatti dalle endorfine formato Biasetto. Cercate di capirmi: cosa potrò rispondere quando mi chiederanno “Ma che cacchio hai fatto 7 mesi a Padova?!”



Chi muore?

Lentamente muore chi diventa schiavo dell`abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, chi non rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce.
Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero su bianco e i puntini sulle "i" piuttosto che un insieme di emozioni, proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso,
quelle che fanno battere il cuore davanti all`errore e ai sentimenti.
Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul lavoro, chi non rischia la certezza per l`incertezza,
per inseguire un sogno, chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai consigli sensati.
Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica,  chi non trova grazia in se stesso.
Muore lentamente chi distrugge l`amor proprio,  chi non si lascia aiutare;  chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.
Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.
Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare.
Soltanto l`ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicità.



3  Guestbook / Folklore / La scala Scoville... on: July 22, 2006, 02:48:42 PM
http://www.chemsoc.org/exemplarchem/entries/mbellringer/scoville.htm

Pages: [1]


Login with username, password and session length

Powered by MySQL Powered by PHP AURIGA Bulletin Board | Powered by SMF 1.0.7.
© 2001-2005, Lewis Media. All Rights Reserved.
Valid XHTML 1.0! Valid CSS!